Arturo Moccia nasce a Napoli il 21.10.1924. Sarebbe lungo enumerare quante raccolte di racconti, e di poesie in lingua e vernacolo abbia scritto in una vita cosi' lunga. Nonostante le numerose offerte ha preferito rimanere inedito.

Ha scelto per voi navigatori queste tre composizioni:

'A Fede
'O triate
'O mezzanino


'A Fede

Vu sap che d fede? 'Sta parola
difficile a ccap pe chi nun crede?
Comme auciello cecato int' 'a cajola,
cerca 'nu poco 'e cielo e nunn' 'o vvede,
ma sape che ce st.
E chesta fede.


'O triate

'A vita nosta tutta 'na buscia,
'na mascherata comme 'a carnevale,
pare 'na scena annante a 'nu funnale
pittato, che te pare 'nu ciardino,
e sotto invece fatto cu 'e giurnale.
Dint'a 'sta cumpagnia bella e giuviale
proprio chi meno sape recit
va truvanno 'e fa 'a parte princepale
Amico mio ma quanno vu camp?
'O tiene a mente mai nu calannario?
'O tiempe poco e forse nun ce st.
Si vene 'a morte, avasciano 'o sipario.


'O mezzanino

Quanta pazzielle vecchie aggio truvato
facenne 'o scarto ncopp' 'o mezzanino:
tre pupate co naso scamazzato,
nu cavallo 'e cartone, nu trenino,
pasturi senza capa, casarelle,
nu fucile e lignamme, na trumbetta,
na sveglia senza sfere, e doie rutelle
(comm'era bella chella bicicletta).
Ognuna e chesti ccose scumpagnate
dice nu nomme, dice na parola
e me ricorda e tiempe e n'ata estate
quann'ero piccirillo e ghievo scola.
Vuleva f nu poco 'e pulizia
e jetta' chello ca nun serve cchi;
ma sti cose so' chiene e' poesia...

...


Webmaster:
Umberto de Fabio
udf@mclink.it